CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Musica e Discografia

Cerca nel blog

martedì 17 aprile 2018

Le chansons di Zeppetella, Bex, Lauren e Gatto dal vivo all'Elegance

Le chansons di Zeppetella, Bex, Lauren e Gatto dal vivo all'Elegance

 

"Chansons!" è un'idea musicale, un trattato di diplomazia, un abbraccio tra cugini. Un bel gioco, soprattutto, inventato da Jando Music per raccontare due mondi vicinissimi, che da sempre si osservano con reciproca curiosità e si influenzano a vicenda. L'Italia e la Francia si stringono la mano e si alleano, mettendo in campo quattro talenti cristallini: Fabio Zeppetella e Roberto Gatto, a rappresentare il tricolore col verde; Geraldine Laurent ed Emmanuel Bex come ambasciatori dei "bleus". L'inedito quartetto interpreta undici canzoni che raccontano al meglio la tradizione musicale e più specificamente cantautorale dei due Paesi. Dal capostipite Bruno Martino, passando per De André e De Gregori e arrivando a Pino Daniele, da una parte. Jacques Brel e Leo Ferré, Yves Montand e Joe Dassin dall'altra. I brani di "Chansons!" conquistano fin dal primo ascolto. L'interpretazione dei quattro musicisti, manco a dirlo, è straordinaria. Se l'intesa tra Gatto, Bex e Zeppetella era già collaudata, e fonte di preziose gemme musicali, l'innesto di Laurent rende il tutto ancora più sorprendente e ricco.
Sul palco Fabio Zeppetella (chitarra), Emmanuel Bex (organo,voce), Geraldine Laurent (sax) e Roberto Gatto (batteria).

Giovedì 19 aprile

Ore 21.30

Elegance Cafè Jazz Club

Via Francesco Carletti, 5 - Roma

Euro 22 (concerto e prima consumazione)

Infoline +390657284458



--
www.CorrieredelWeb.it

Ecco il video del nuovo singolo CA$INO' del rapper di origini Ucraine SLAVA


 

CA$INO' – Slava

Il giovane rapper Ucraino torna con un nuovo singolo

 

Dopo la release degli ultimi due singoli "The Flow is Slava" e "Soviet Squat" che insieme hanno superato il milione e mezzo di ascolti su Spotify, e la collaborazione con il rapper Ensi nel remix del suo brano "Tutto il mondo è quartiere" esce oggi il video di "Ca$inò" il nuovo brano di Slava pubblicato in esclusiva su Spotify dal 13 Aprile e prodotto da Drillionaire.





Con questo brano Slava da inizio alla "joint venture" con il producer Drillionaire, già conosciuto con lo pseudonimo "Drillegittimo" nelle sue collaborazioni passate con altri artisti tra i quali Lazza e Giso.  Dopo un brano dai toni più seri come "Soviet Squat" dove l'artista ha raccontato la sua storia di immigrato ucraino, con questo nuovo singolo assume un mood molto più leggero giocando sui loghi comuni soprattutto legati alla scena rap/trap italiana: "Sta scena è un casinò e noi ci entriamo senza gli inviti, Facciamo panico, i miei vestiti come dei sinti, Ora che va di moda siete tutti dei ricchi".

 

Slava, che attualmente vive a Brescia, chiama la sua squadra di lavoro, i suoi amici e i suoi fans che lo seguono fin dall'inizio "Zona 030", dove il suffisso numerico è il richiamo al prefisso telefonico della sua città. Negli ultimi mesi su Instagram il suo pubblico più fedele ed entusiasta ha aggiunto al nome del proprio account proprio il prefisso 030, per sottolineare il proprio supporto all'artista e con lo scopo di "allargare la Zona" insieme a lui.

 

Il video di Ca$inò è diretto da Gianluca Bonici e Flavio Mocka di Another Production: i tre protagonisti (Slava, Drillionaire e Yura, amico ucraino dello stesso Slava) vivono una vicenda oltre le righe rappresentando il brano con una parodia sempre legata al mood disinvolto del testo: "Rapiniamo la scena non lasciamo nemmeno le lische". Il tutto ovviamente condito da molta ironia.

 

 

SLAVA

Vyacheslav Yermak, in arte Slava, nasce il 21 maggio 1994 nella città di Charkiv (Ucraina). Figlio del buio periodo post crollo dell'Unione Sovietica, cresce nelle condizioni piuttosto misere, senza un padre, in una famiglia composta da sole donne. All'età di 11 anni, stremati dalle precarie condizioni economiche, con i suoi unici tre parenti di sangue, sua madre e le sue sorelle, migra in Italia nella speranza di un futuro migliore. Qui trovano una sistemazione a Brescia, dove ricominciano una nuova vita lasciandosi il passato alle spalle.

Il primo approccio con la scrittura per Slava inizia tra i banchi del liceo scientifico, a circa 16 anni. Da qui in avanti scrivere, registrare e pubblicare brani diventa un'attività sempre più frequente e regolare, fino al 2014 con i primi progetti degni di nota. Questo periodo fu caratterizzato soprattutto per l'inizio della collaborazione (tutt'ora in corso) con l'Another Production, una squadra di videomaker composta da Gianluca Bauci e Flavio Mocka. Gli anni che seguirono furono molto impegnativi, il duro lavoro in fabbrica doveva conciliare con la passione per la musica, che richiedeva sempre più tempo e risorse.

Iniziò così il periodo dei grandi sacrifici per Slava, che fruttó le prime vere soddisfazioni solo nel 2016 con il progetto di "Alti e Bassi Mixtape Vol. 3". Di questo mixtape tracce come "Pota F**a Alura Enculet", Quartieri del Sonno", "FreESTyle #1" e "Soliloquio" aiutarono Slava a farsi sempre più spazio nella scena rap italiana, espandendosi anche fuori dalla realtà locale della provincia Bresciana.

Nel 2017 pubblica il singolo "The Flow Is Slava" - entrato direttamente nella playlist di Spotify "Rap Italia Battle Royale" e che ad oggi conta oltre il milione di ascolti e nel mese di Novembre pubblica "Soviet Squat", singolo intimista dove l'artista racconta per la prima volta la sua storia di vita e la sua condizione di immigrato dell'Est Europa. Il successo degli ultimi due singoli permette a Slava di farsi notare anche dai suoi colleghi tra cui il celebre rapper Ensi, che lo vuole nel remix del suo singolo "Tutto il mondo è quartiere" insieme ad altri artisti.






--
www.CorrieredelWeb.it

domenica 15 aprile 2018

Kento feat. DJ Fastcut - Mia (Ode alla cultura Hip-Hop): il videoclip

Kento feat. DJ Fastcut – Mia (Ode alla cultura Hip-Hop): il videoclip

 

La cultura Hip-Hop vista come una donna, di cui il protagonista si innamora da ragazzino e che diventa la compagna e l'ispirazione di una vita intera: è questo il concept di Mia, nuovo singolo del veterano rapper Kento. "Tu mi hai dato sogni e gambe, tu mi hai fatto grande; chi non sa non capirà quanto sei sangue e carne": l'MC si rivolge direttamente alla musica e all'arte in tre strofe dense di passione e fedeltà, mentre la produzione musicale e gli scratch sono firmati da DJ Fastcut, beatmaker e virtuoso dello scratch.

 

Il videoclip, girato tra le opere di street art del quartiere romano di Tor Marancia e nel centro sociale Spartaco al Quadraro, è diretto da Michele Imperio, regista di alcune delle serie tv italiane più note (Unti e Bisunti, Le Ragazze del '68), e vede come protagonista la giovane rapper e cantante Rosa White nei panni di Mia. L'atmosfera sospesa ed incantata è quella di una favola urbana, dove l'amore per la cultura Hip-Hop porta all'elevazione personale e alla riscoperta di se stessi.

 

L'uscita del singolo arriva in un periodo molto denso di attività per Kento che, dopo essere stato premiato dall'ANPI e da Casa Memoria Impastato nel 2017, è stato protagonista per tutto l'inizio del 2018 di una serie di laboratori di scrittura presso scuole, comunità di recupero per tossicodipendenti e carceri minorili, senza mancare la consueta attività live. Il musicista di origini calabresi, conclusa l'esperienza rap/blues con la superband The Voodoo Brothers, è al momento impegnato nella realizzazione del nuovo album.

 

"Lascia che racconti di come ti ho conosciuta, bella che sei vita che mi guida e che mi aiuta. Resta con me: lascia che tutto sia forza, calma ed energia, amore della vita mia". 



--
www.CorrieredelWeb.it

CANTON - online il video di "Ancora Estate", primo singolo del nuovo album


CANTON - "Ancora Estate"


CANTON, online il video di "Ancora Estate",
primo estratto dal secondo album "1/3"
 


E' passato poco più di un mese da quel 9 marzo che ha visto l'arrivo in radio di "Ancora Estate", nuova canzone dei CANTON ma soprattutto primo singolo del loro nuovo album di prossima uscita. Un mese che li ha visti scalare le classifiche dell'airplay radiofonico dei brani indipendenti, dove attualmente sono in un'ottima 69° posizione! E oggi arriva anche il video del brano, che ce li mostra nel chiuso dello studio di registrazione, in una stagione tutt'altro che estiva, ma del resto... è sempre estate quando si è innamorati! "L'amore è un'estate interiore che ci riempie di luce e di vita, e che sconfigge la solitudine e qualsiasi malinconia", dice Marcello Semeraro, la voce e soprattutto l'autore dei Canton.





Ma perché, dopo "Sonnambulismo" a Sanremo '84, "Please don't stay" del Festivalbar '85, "Stay with me" dell' 86 e dopo tanti anni di soddisfazioni in altri campi, i CANTON trent'anni dopo hanno voluto tornare a fare la gavetta? A scrivere un nuovo album? A rifare la trafila della promozione da emergenti?
Passione per la musica, pura passione.
Passione premiata, visto che l'album "Ci saremo" (2016) in effetti ha dato i suoi lusinghieri risultati: 6 singoli estratti ("Senza me", "Canzone Nuova", "Parte del cuore", "Respiro", "+ Sexy", "Se ci sarai") tutti entrati in classifica radio indie (fino alla Top Fourty), i relativi videoclip che hanno superato un totale di 1.600.000 visualizzazioni YouTube, oltre 100 interviste... Tutte conferme di una ottima ri-partenza!

E non si trattava di togliersi uno sfizio, perché ora i CANTON sono qui di nuovo con un nuovo progetto, con altra musica.
"1/3 (Uno su tre)" è il nuovo progetto musicale dei CANTON per il 2018. Un album "a tappe" che prevede la pubblicazione un singolo ogni tre mesi.
"Ancora Estate" è la prima tappa di questo nuovo percorso musicale. Chi ben comincia...
 



--
www.CorrieredelWeb.it

Record Store Day, da Goody Music firma copie di Turi e presentazione ufficiale di Back to the Rap

Record Store Day, da Goody Music firma copie di Turi e presentazione ufficiale di Back to the Rap

 

Sabato 21 aprile, in occasione del Record Store Day (la giornata internazionale dedicata ai negozi musicali indipendenti in tutto il mondo), lo storico negozio romano Goody Music (06 361 0959) festeggia con due appuntamenti per gli amanti dell'Hip-Hop e del vinile a partire dalle ore 17.

Sono previsti, infatti, il firma copie per la ristampa di Salviamo il Salvabile, il primo leggendario album dell'MC Turi e la presentazione ufficiale di Back to the Rap, la compilation dedicata agli artisti rap italiani emergenti prodotta da Claudio Donato per Antibemusic sempre con la collaborazione di Turi, nel ruolo di direttore artistico.

Salviamo il Salvabile viene pubblicato per la prima volta nel 2001, ed è composto di quindici tracce con le collaborazioni al microfono di Kiave (Pane a chi non ha i denti), Manifest (S.O.S.), Ciccio Il Milordo e Luca Giurleo (A cui?) e Macro Marco (Microfoni in fiamme). Le produzioni dell'album sono state tutte realizzate dallo stesso Turi ad eccezione dei brani Intro e Brutto Colpo, entrambi prodotti da The NextOne.

Back to the Rap coinvolge dieci artisti emergenti selezionati da tutta Italia (Young Rascalz, Fabio Cake, Noisy, Seme, Gravante & Mr Xqz, White-G, Ninjaz MC feat K!dust Toni Mannaja, Sang & Slang, Lo Straniero feat DJ Daftee e Axel) che hanno convinto Turi e Antibemusic con le loro rime e produzioni più originali. Il disco è stato stampato in vinile 180 grammi in tiratura limitata e disponibile in tutti i negozi di dischi. 

Antibemusic, che ha lanciato artisti del calibro di Cor Veleno, Piotta e lo stesso Turi, ha deciso di offrire alle nuove leve una vetrina promozionale per presentarsi in modo professionale al pubblico e alla critica musicale.

Per l'occasione Turi sarà a disposizione dei fan e del pubblico, mentre la parte live è affidata al DJ set di Aimé con le migliori selezioni R'N'B, black e Hip-Hop.



--
www.CorrieredelWeb.it

sabato 14 aprile 2018

Zatarra pubblica un album sulle emozioni dei bambini e il primo singolo celebra la lettura con ironia



B-Blio è il primo singolo di Bambino, il quinto disco del senese Zatarra, in uscita oggi per L'Untore Records: un concept album sulle emozioni che i bambini di qualsiasi età esprimono quotidianamente. Il brano esprime una parte degli umori di Bambino, che è una sorta di disco corale in cui l'istinto e la semplicità prevalgono sui calcoli e gli artifici: un disco "fuori moda", come spesso Zatarra definisce la sua musica, ma all'insegna della genuinità. La produzione musicale di B-Blio è del francese Dj Panda Pimp: tutti i pezzi di questo disco, infatti, sono stati concepiti tra La Rochelle e Marsiglia, città d'adozione di Zatarra, dove il rapper si rifugia appena può e dove, negli ultimi anni, ha creato una rete di collaboratori che lo supporta per ogni uscita. 

B-Blio nasce dalla constatazione che i bambini, spesso, riportano gli adulti alla lettura. Zatarra da quattro anni, prima per hobby e poi per lavoro, fa l'educatore musicale e condivide le giornate con i bambini. Frequentando le biblioteche per alcuni laboratori legati al suo lavoro ha visto molti genitori soddisfare con il sorriso le richieste di lettura dei più piccoli. Così, con il suo stile scanzonato, si è lasciato ispirare da tutto questo e ha scritto questo brano in cui celebra la lettura, rende omaggio ad alcuni scrittori che hanno segnato la sua formazione (come Gianni Rodari, Italo Calvino, Jean-Claude Izzo e tanti altri) e, nello stesso tempo, ironizza su chi non si sogna nemmeno di fare un giro in biblioteca facendo la caricatura di alcuni di questi profili.

Il video di B-Blio, diretto da Federico Livi, è girato nella Sala storica della Biblioteca degli Intronati di Siena.


--
www.CorrieredelWeb.it

Cenere e Polvere, il pop-rock di Juel che strizza l'occhio al fashion

Cenere e Polvere, il pop-rock di Juel che strizza l'occhio al fashion


Nuovo capitolo per la cantautrice, ballerina e modella Juel, che ancora una volta mescola le carte nel tavolo musicale pubblicando un singolo che ammicca a sonorità molto più pop-rock rispetto alle atmosfere urban alle quali aveva abituato il pubblico. Cenere e Polvere è il titolo del nuovo singolo dal 13 aprile in tutte le piattaforme digitali pubblicato da Limited Music Trade/Believe.

Beat elettronici rincorrono una ritmica serrata e un ritornello melodico, dove l'artista ha modo di mostrare la sua grinta e la sua femminilità allo stesso tempo. Dal testo si capisce come il protagonista sia il tempo, che batte come il tintinnio di una lancetta di un orologio e le risuona nella testa, ricordando all'artista quello speso per amore (Tempo che non torna più, Il tempo perso dietro a lui). Passato e futuro sono rappresentati come cenere e polvere, in entrambi i casi granelli materici ma generati da eventi differenti. La cenere è il resto di una storia consumata nel tempo, il fuoco della passione è ormai spento (Di questo fuoco spento resta cenere, nel cuore arido sospesa è la polvere). I tentativi di salvare il ricordo bloccano la nascita di un nuovo amore che aspetta di essere vissuto, la polvere si posa per la lunga attesa su questo nuovo amore che viene rimandato e soffocato.

Il video, diretto da Gabriele Remotti, si basa su una scenografia minimale e una fotografia luminosa che rendono Juel protagonista in tutto e per tutto. Cambi d'abito e coreografie attraversano le immagini rivelando la sua eclettica sensualità. Dal tailleur più elegante al jeans strappato, come dal soul al rock Juel attraversa con disinvoltura i generi musicali come i contesti estetici, sempre mantenendo il suo timone stilistico.

Nel videoclip l'artista è anche impegnata a suonare la batteria, strumento che più incarna la sua essenza ritmica. Lo studio della batteria è una passione che coltiva da sempre, parallelamente al ballo, alla recitazione e al canto.



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *